Curiosità su Carmine Buschini: I REGISTI.

Il primo regista con cui Carmine ha lavorato (se si esclude la pubblicità della Coca Cola) è Giacomo Campiotti, che lo ha diretto per tutte e tre le stagioni di “Braccialetti Rossi” e che in qualche modo è stato colui che lo ha “scoperto” e che ha fatto venire alla luce il suo talento e le sue qualità attoriali, in quella che per Carmine è stata la prima vera e propria esperienza nel campo della recitazione 🎬.

Sarà per questo, ma anche perché Campiotti si è sempre dimostrato essere un regista -e una persona- che ha sul mondo un occhio sensibile e profondo, che Carmine si è trovato fin da subito in sintonia con lui e che a distanza di anni vi è ancora legato e ne parla sempre con grande stima e affetto: “È un regista che sa valorizzare le persone, oltre che gli attori” ♥️.

Stima e affetto che sono senza dubbio ricambiati e che hanno portato Campiotti a lavorare di nuovo con Carmine nel film Rai “Liberi di scegliere”, anche se il regista ci ha tenuto a precisare che “Se mi capita di chiamare attori con cui ho già lavorato non è per amicizia ma perché conoscendoli li ritengo adatti per un determinato ruolo”.

Successivamente, Carmine ha lavorato con il regista Francesco Bellomo nello spettacolo teatrale “La Partitella”, con Andrea Porporati nella fiction “Il Capitano Maria” e con Michele Soavi nelle fiction “Mentre ero via” e “La guerra è finita”; proprio di quest’ultimo, ha detto: “Ha un modo di lavorare che non mi era ancora capitato con gli altri registi, lavora spesso anche di improvvisazione, tende a spremere fino in fondo le scene finché non succede qualcosa che magari nessuno si aspetta”.

Nell’ultimo anno, invece, è stato diretto da Riccardo Donna in “Cuori” e da Stefano Reali in “Una famiglia perbene”, fiction che vedremo in tv questo autunno, in prima serata, rispettivamente su Rai 1 e su Canale 5 📺.

Il suo sogno, però, è lavorare con Paolo Sorrentino, e noi non possiamo che augurargli (e augurarci) che ciò prima o poi possa accadere 🍀

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *